Mastering Digitale VS Mastering Analogico


digital-mastering-vs-analog-masteringIn un post precedente abbiamo detto Cos'è il Mastering, oggi valutiamo le differenze tra Mastering Digitale e Mastering Analogico

Mastering Digitale VS Mastering Analogico

Su cosa sia meglio tra Mastering Digitale e Mastering Analogico vi sono pareri differenti: alcuni affermano che siano superiori i vantaggi del Mastering ITB (in the box), altri ritengono che non vi siano dubbi sulla superiorità del Mastering OTB (out the box). Ma vediamo cosa si intende per Mastering ITB e Mastering OTB ed elenchiamo una serie di vantaggi/svantaggi dei due tipi di Mastering.


Cosa sono il Mastering ITB e il Mastering OTB

Cos'è il Mastering Digitale

Per Mastering ITB (in the box) si intende Mastering Digitale, ciò significa elaborare e finalizzare il file audio digitale (o i file nel caso dello Stem Mastering) all'interno del software audio, cioè nel computer (per questo in the box), senza che questo sia mai inviato ai convertitori DA (Digital to Analog) per la conversione in analogico, ovvero in segnale di potenziale elettrico che verrà processato mediante appositi processori di segnale analogico.

Nel Mastering Digitale si sostituiscono ai processori di segnale analogico la serie di plug-in per l'elaborazione audio a disposizione dei moderni sistemi digitali, gestibili attraverso i principali software come Cubase, Pro Tools, Logic ecc., così come attraverso Wavelab o Sampitude Pro (più usati questi ultimi in fase di mastering).

Cos'è il Mastering Analogico

Ad oggi, periodo in cui il digitale è inevitabilmente divenuto parte dei processi produttivi dell'industria discografica, si tratta di Mastering Analogico quando il file viene inviato verso l'esterno della DAW (Digital Audio Workstation), quindi convertito dal formato digitale in segnale di potenziale elettrico (attraverso convertitori DA) e processato attraverso appositi hardware che ospitano reali circuiti elettronici valvolari, a nastro o a transistor.

Successivamente al processamento, il segnale audio analogico viene nuovamente destinato ai convertitori (questa volta AD Converter, cioè Analog to Digital Converter) e viene quindi riconvertito in dati binari e acquisito nuovamente all'interno della DAW.


Vantaggi Mastering Digitale

  • Molti plug-ins permettono interventi molto più selettivi rispetto agli interventi possibili nel dominio analogico, interventi che nel dominio analogico non sono altrettanto semplici o, in alcune situazioni, sono addirittura impossibili; i plug-ins (se non diversamente programmato) garantiscono una linearità tale da preservare al meglio il suono originale e, questa linearità, offre sicuramente un grandissimo vantaggio, ma è anche vero che - come specificato più avanti - in certi casi potrebbe rivelarsi uno svantaggio. Allo stesso modo è un arma a doppio taglio anche la mole di informazioni che i plug-ins sono in grado di mostrare all'utente - se da un lato permette al Tecnico di Mastering di disporre di un quadro chiaro della situazione, dall'altro potrebbe essere fuorviante ai fini del risultato finale.
  • Ogni plug-in impiegato durante la fase di mastering digitale mantiene il suo settaggio ogni volta che il progetto di mastering viene avviato, diversamente da qualsiasi processore analogico che necessita di sheets recall* per ristabilire il setting di un progetto e che quindi richiede interventi manuali e procedure più scomode per il 'richiamo' del progetto.

              * le sheets recall sono schede di richiamo in cui annotare le impostazioni di un processore al termine del lavoro svolto

  • I plug-ins possono essere impiegati in un numero limitato soltanto alle risorse della DAW, non subiscono l'usura dell'hardware analogico, non si 'rompono' e, nel caso in cui riportino alcuni bugs, le software house che li producono - generalmente in tempi accettabili - provvedono alla risoluzione dei problemi e offrono all'utente un supporto adeguato.
  • Il costo dei plug-ins, seppur non sempre basso, spesso risulta molto più accessibile rispetto all'hardware: appena sviluppato, il plug-in, non ha costi ulteriori, mentre l'hardware, oltre i costi di sviluppo, deve comprendere gli alti costi di produzione (componentistica e manodopera) e di logistica generale.

Svantaggi Mastering Digitale

  • Poiché i calcoli necessari al processamento sono demandati al computer, nel caso in cui si disponga di una DAW poco potente saremo vincolati all'utilizzo di un numero limitato di plug-ins, quindi è importante considerare l'espansione della DAW, ovvero potrebbe essere opportuno:
  1. Passare a un sistema audio dotato di DSP (Digital Signal Processing) come Pro Tools HDX
  2. Inserire all'interno della DAW un DSP Accellerator della TC-Electronics o della Universal Audio (ottima la serie UAD2)
  3. Valutare l'opzione System Link possibile in Cubase (che consiste nel linkare più computer insieme al fine di ripartire il carico della computazione su più DAW)
  • Un altro svantaggio (non da poco) dei plug-ins interessa il suono. Poco conta che le principali software house abbiano raggiunto un livello di emulazione tale da rendere il suono dei plug-ins quasi uguale a quello dei più importanti processori analogici: nella somma è ancora percepibile una certa differenza tra il suono elaborato digitalmente e il suono analogico.

Di fatto, date le differenze tra digitale e analogico molto più limitate rispetto al passato, è vero che il tecnico di mastering è spesso in grado di fare la differenza di qualità: un Tecnico di Mastering di medio valore, pur disponendo di ottimo hardware, non riuscirà a ottenere la qualità che un Tecnico di Mastering valido otterrà facendo Mastering Digitale.


Vantaggi Mastering Analogico

  • Come accennato precedentemente, i plug-ins dispongono di display che riportano diverse informazioni, cosa che non avviene nella maggior parte dei processori analogici o che avviene in modo molto più limitato. Alcuni tecnici di mastering sono portati a credere che questo sia uno svantaggio, eppure non disponendo di alcuna informazione è più facile giudicare in base a ciò che il l'orecchio suggerisce piuttosto che in base a ciò che l'occhio vede tra le informazioni mostrate a display. In certi casi, tra le informazioni evidenziate dal plug-in, è facile leggere e considerare un intervento 'troppo' invasivo o 'poco' efficace, anche se a orecchio pareva l'intervento ottimale (il buonsenso permette di sfruttare al meglio ciascuno degli strumenti: dove non arriva l'orecchio, l'informazione diventa essenziale ai fini tecnici; dove la tecnica non fa il 'sound' è l'orecchio a dettare le regole).
  • I processori di segnale non lavorano sempre come 'dovrebbero', ovvero sommano al suono originale alcune non-linearità, piccole quantità di rumore e distorsione (in tal senso si parla di aggiunta di colore al suono, di carattere). Inoltre, i processori analogici, non rispondono allo stesso modo in ogni circostanza: bastano piccole modifiche al setting ed è facile notare nuove e più o meno intense variazioni di colore. In questo senso i plug-ins sono più precisi, tanto da garantire un suono 'perfetto' che, tuttavia, può apparire piuttosto sterile. E' un fatto inequivocabile che la maggior parte dei Tecnici di Mastering preferisca lavorare con processori di segnale analogico ottenendo quel tipo di suono 'colorato', ed è per questo motivo che investono decine di migliaia di euro nell'acquisto di outboard analogico da inserire nella catena di mastering dei propri studi.
  • Un altro aspetto importante riguarda il contatto fisico con il processore: mettere le mani sul processore e associare al movimento fisico una variazione sonora ha impatto e valore importantissimi ai fini percettivi. La manipolazione dei plug-ins avviene mediante una serie di pulsanti da gestire attraverso mouse o tastiera, e questo non è ottimale sotto ogni profilo, ma è pur vero che ad oggi vi sono in commercio una serie di controller che permettono di gestire in modo fisico anche gli strumenti digitali.

Svantaggi Mastering Analogico

  • Tra gli svantaggi principali del Mastering Analogico c'è sicuramente da considerare l'alto costo della strumentazione. Chi dispone del proprio Home Studio e non considera il Mastering come un'attività d'impresa fa sicuramente più fatica a realizzare una postazione di lavoro dotata di racks 'pieni' di processori di segnale analogico (almeno che la propria disponibilità economica non sia data o derivi da attività diverse). Ma qualche soluzione per riuscire a realizzare una buona Catena di Mastering anche nel proprio home studio c'è: tempo permettendo, è possibile trovare e assemblare manualmente (o con l'aiuto di un tecnico) i componenti necessari per la realizzazione di processori di segnale analogico simili ai più popolari e costosi marchi di riferimento.
  • Oltre al costo iniziale, anche i costi di manutenzione vanno messi nel 'conto'. Trattandosi di unità fisiche, purtroppo, sono soggette alle leggi della fisica, al deterioramento, alla rottura, e ciò comporta investimenti di tempo e denaro.
  • Tra gli altri svantaggi vanno considerati i tempi e i costi di "messa in produzione", ovvero i processori di segnale analogico devono essere accesi (ciò ha un costo di elettricità) e lasciati 'scaldare' per un tempo variabile in base al tipo di processore usato (e ciò ha un costo in termini di tempo).

Conclusioni

Come si può intuire in base a quanto riportato sopra, considerando il rapporto prezzo/qualità, il Mastering Digitale risulta nella maggior parte dei casi uno strumento vincente, eppure sotto il profilo dell'estrema cura del suono vale ancora la pena di dare un + al Mastering Analogico. Detto ciò, è importante sottolineare l'elevatissimo livello di sound che ha raggiunto una serie di plug-ins basati su DSP, come per esempio la maggior parte dei plug-ins della serie UAD2 di Universal Audio. E' facile supporre che, presto, il Mastering Digitale offrirà soli vantaggi rispetto al Mastering Analogico, ma per ora la scelta è davvero molto soggettiva.

Personalmente credo che un'accurata integrazione tra analogico e digitale sia da considerarsi l'opzione migliore.


Info aggiuntive

Per qualsiasi informazione generale su quanto letto in questa pagina, per acquistare alcuni degli strumenti citati a prezzi convenienti o per approfondimenti sulle Tecniche di Mastering CONTATTACI! Per leggere il programma e partecipare ai nostri Corsi di Mastering Clicca QUI!

..Note Autore su Google+

inSoundStudioProject

Chi si occupa della struttura

avatar

Pablo

Fondatore

info@insoundstudio.com

Phone: 340 8927345

Milano, IT

20162 Via Grivola, 8
NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Non modificando le impostazioni del tuo browser ne accetti l'utilizzo. Cookie Policy

Cookie

Perché il sito di inSound Studio possa funzionare correttamente (e allo stesso tempo migliorare la tua esperienza di navigazione), in alcuni casi è necessario porre piccoli file di dati (cookie) sul tuo dispositivo. La maggior parte dei siti web funziona in questo modo.

Che cosa sono i cookie?

Un cookie è un piccolo file di testo contenente informazioni che un sito web salva sul tuo computer o dispositivo mobile mentre lo stai visitando. Permette al sito di ricordare per un certo periodo di tempo le tue azioni e le tue preferenze, come per esempio i tuoi dati di login, la lingua impostata, la dimensione del carattere e altre preferenze di visualizzazione che non avrai bisogno di impostare ogni volta che ritornerai a navigare sul sito o navigando tra una pagina e 'altra.

Come utilizziamo i cookie?

Un certo numero di nostre pagine utilizza i cookie per memorizzare:

  • L'autorizzazione data per l’utilizzo dei cookie sul sito
  • Le tue eventuali preferenze di visualizzazione (impostazioni di contrasto/luminosità, dimensioni del carattere)
  • Le risposte che hai dato a un sondaggio (per esempio per esprimere il tuo grado di soddisfazione del servizio ricevuto) o i dati che hai inserito in un modulo

Inoltre alcuni video incorporati nelle nostre pagine utilizzano cookie proprietari e di terze parti per raccogliere dati statistici anonimi finalizzati a comprende le tue azioni, come per esempio il tuo percorso di navigazione (da dove sei arrivato, come e quali video hai visitato). Lo stesso principio si applica per tue ricerche testuali: utilizziamo cookie proprietari e di terze parti per comprendere come sei arrivato a noi, che tipo di ricerche hai effettuato, che percorsi hai seguito, quante e quali pagine hai visitato sul nostro sito, in che punto l’hai abbandonato, il tutto con la finalità di favorire la tua e, in generale, l’esperienza degli utenti che visitano il nostro sito. I cookie ci aiutano a proporti servizi e/o prodotti più adeguati impiegando quindi anche strumenti di terze parti (cookie di terze parti): alcuni cookie potrebbero essere utilizzati per proporti offerte promozionali mirate durante la tua navigazione sul web.

Quali cookie utilizziamo?

inSound Studio utilizza i seguenti tipi di cookie:

  • cookies di sessione (che scadono al termine della navigazione)
  • cookies permanenti (che sono necessari a memorizzare i dati inseriti nei moduli di accesso, richiesta informazioni ecc.)
  • cookies di terze parti (utilizzati per fini statistici e commerciali, sono gestiti principalmente da Google Inc. e depositati presso i loro server)

Disabilitare i cookie

L'abilitazione dei cookie non è strettamente necessaria perché il sito web funzioni, ma farlo ti fornirà una migliore esperienza di navigazione. È possibile eliminare o bloccare i cookie, ma così facendo alcune funzionalità di questo sito potrebbero non funzionare come previsto.

Le informazioni relative ai cookie non vengono utilizzate per identificare gli utenti: i dati di navigazione acquisiti mediante cookie proprietari e la maggior parte dei cookie di terze parti restano esclusivamente sotto il nostro controllo.

I cookie di terze parti impiegati con finalità promozionali mirate durante la tua navigazione sul web sono invece messi a disposizione delle società erogatrici di tali servizi, come per esempio Google Adsense di Google Inc. che, mediante cookie e strumenti affini è in grado di proporre annunci pertinenti ai tuoi interessi reali. L’uso di questo tipo di cookie può essere disattivato in qualsiasi momento da parte dell’utente modificando le impostazioni attraverso il sito web del fornitore del servizio stesso (per esempio, per disattivare l’utilizzo di tutti o parte dei cookie da parte di Google è possibile seguire le informazioni contenute al link: https://support.google.com/adsense/answer/1348695?hl=it).

Accettazione

Navigando su inSound Studio accetti l’utilizzo dei cookie in conformità con il presente documento di Cookie Policy. Per eliminare/gestire i dati di navigazione potrai farlo attraverso le impostazioni della privacy del tuo browser, mediante il quale (generalmente) ti è permesso inoltre di impedire ai siti web il salvataggio di cookie.

RICORDA: così facendo potrebbe essere necessario regolare manualmente alcune preferenze ogni volta che visiti un sito, alcuni servizi e funzionalità potrebbero non funzionare e non potrai memorizzare password e dati inseriti nei moduli.