Cos'è il Mastering (Audio Mastering) | Procedure e interventi di Mastering


"Gli americani vedono il Mastering come ultima fase della creazione di un album, gli inglesi lo considerano il primo step della produzione"

Ma cos'è il Mastering Audio

Il Mastering è la fase finale dei processi di registrazione, editing e mixing che interessa una serie di brani musicali; il Mastering è l'ultimo passaggio, ovvero riguarda l'ottimizzazione necessaria a rendere coerente l'insieme dei brani diversi che costituiscono una produzione discografica, un album.


Scopo del Mastering

Il Mastering ha lo scopo di risolvere eventuali problemi, migliorare e rendere omogeneo l'album attraverso l'utilizzo specifico di compressori ed equalizzatori, nonché attraverso l'ottimizzazione dei volumi dei singoli brani in relazione agli altri, in modo tale da ottenere un suono coerente tra ciascuna delle tracce elaborate.

Durante la fase di Mastering, il Mastering Engineer,  applica una serie di processi che gli permettono di modellare con cura ogni canzone, fino a farle esprimere il suo pieno potenziale sonoro ed equilibrando i contenuti dell'intero album.

Il Mastering si effettua solitamente sul mixaggio stereo dei vari brani - soluzione maggiormente utilizzata - o sugli stems (sub-mix). Ma che differenza c'è tra stereo mix e stems ?


Mastering su stereo mix

Masterizzare una serie di brani che sono stati mixati in stereo, effettivamente, offre minori possibilità di intervento al Tecnico di Mastering, il quale potrà intervenire, appunto, esclusivamente sull'insieme degli elementi del mix riversati su un unico file stereo. I vantaggi di questo approccio riguardano principalmente la gestione snella di un singolo file stereo.

Gli interventi tipici in fase di Mastering (sia stereo che stem) riguardano principalmente:

  • il trattamento di micro e macro dinamiche
  • la rimozione del DC offset, il filtraggio
  • il miglioramento delle sibilanti e la rimozione di risonanze indesiderate
  • l'espansione delle stereofonia
  • la correzione o il semplice aggiustamento della fase
  • una serie di altri eventuali interventi di compressione e di EQ sia sul contenuto mono, sia sul contenuto stereo
  • l'applicazione di limiter/maximizer
  • l'inserimento di un Mastering Dither Processor

Oltre a questi tipi di interventi più classici, il Tecnico di Mastering può valutare di impiegare anche exciter, riverberi, multiband compressor e altro ancora.


Stem Mastering

Fare Stem Mastering significa fare Mastering non più su un singolo file stereo che costituisce il brano completo, ma su una serie di sub-mix, ovvero su una serie di più file stereo dati dall'insieme logico di più strumenti musicali, la cui somma determina il mixaggio finale del brano.

Per esempio, il Tecnico di Mastering, in tal modo potrebbe disporre di un file stereo che includa tutte le chitarre, di un file che includa tutte le tastiere, di un altro file che includa i brass, un altro ancora di archi, poi i cori, la singola voce principale, il rullante, la cassa, l'insieme degli altri elementi ritmici ecc. su cui intervenire. Il totale di questi gruppi di strumenti - gestibili separatamente e con un maggiore livello di dettaglio rispetto a un singolo file stereo - offre numerosi vantaggi al Tecnico di Mastering, il quale potrà risolvere i problemi di fase intervenendo esclusivamente sul gruppo di strumenti interessato (non su tutto il master), potrà curare la voce principale nel migliore dei modi, sistemare le relazioni tra cassa e basso con più controllo ecc.: insomma, fare Stem Mastering significa poter intervenire esclusivamente laddove ve ne sia un reale bisogno e avere un maggiore controllo sull'intero master.

Ma lo Stem Mastering ha anche degli svantaggi: poter effettuare maggiori (e migliori) interventi comporta più tempo, quindi più costi per il cliente. Tutto ciò può essere affrontato nel caso cui il mix realizzato non sia convincente, ma di fronte a un mix equilibrato potrebbe non valerne la pena. Un altro degli svantaggi potrebbe risultare dai troppi interventi che il Tecnico di Mastering si sente libero di effettuare, portando di fatto il master in una direzione artistica completamente diversa rispetto a quella del mix originale: questo tipo di evenienza è bypassabile confrontandosi costantemente con il Tecnico di Mastering.


Conclusioni

Meglio Mastering Stereo o Stem Mastering?

Di fronte a un mix omogeneo, in assenza di significativi problemi (compresa la mono-compatibilità) e cercando di ottimizzare al meglio i budget, è suggeribile restare sul più usato Mastering Stereo (al limite inoltrando al Tecnico di Mastering solo gli stems di base e voci); di fronte a un mix incerto, magari con qualche problema di controfase e laddove i budget non sono un problema è suggeribile fare Stem Mastering.

Generalizzando, lo Stem Mastering è comunque la soluzione che offre maggiori possibilità di riuscita del prodotto finale.


P.S.

Oltre valutare se per un progetto sia meglio uno o l'altro tipo di Mastering (Mastering Stereo o Stem Mastering) è fondamentale effettuare una scelta sulla modalità di elaborazione dei file inviati per il Mastering. Fare Mastering Digitale è totalmente diverso da fare Mastering Analogico. Per comprendere le differenze tra Mastering Digitale e Mastering Analogico e approfondire l'argomento, leggi l'articolo Mastering Digitale VS Mastering Analogico.

..Note Autore su Google+

inSoundStudioProject

Chi si occupa della struttura

avatar

Pablo

Fondatore

info@insoundstudio.com

Phone: 340 8927345

Milano, IT

20162 Via Grivola, 8
NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Non modificando le impostazioni del tuo browser ne accetti l'utilizzo. Cookie Policy

Cookie

Perché il sito di inSound Studio possa funzionare correttamente (e allo stesso tempo migliorare la tua esperienza di navigazione), in alcuni casi è necessario porre piccoli file di dati (cookie) sul tuo dispositivo. La maggior parte dei siti web funziona in questo modo.

Che cosa sono i cookie?

Un cookie è un piccolo file di testo contenente informazioni che un sito web salva sul tuo computer o dispositivo mobile mentre lo stai visitando. Permette al sito di ricordare per un certo periodo di tempo le tue azioni e le tue preferenze, come per esempio i tuoi dati di login, la lingua impostata, la dimensione del carattere e altre preferenze di visualizzazione che non avrai bisogno di impostare ogni volta che ritornerai a navigare sul sito o navigando tra una pagina e 'altra.

Come utilizziamo i cookie?

Un certo numero di nostre pagine utilizza i cookie per memorizzare:

  • L'autorizzazione data per l’utilizzo dei cookie sul sito
  • Le tue eventuali preferenze di visualizzazione (impostazioni di contrasto/luminosità, dimensioni del carattere)
  • Le risposte che hai dato a un sondaggio (per esempio per esprimere il tuo grado di soddisfazione del servizio ricevuto) o i dati che hai inserito in un modulo

Inoltre alcuni video incorporati nelle nostre pagine utilizzano cookie proprietari e di terze parti per raccogliere dati statistici anonimi finalizzati a comprende le tue azioni, come per esempio il tuo percorso di navigazione (da dove sei arrivato, come e quali video hai visitato). Lo stesso principio si applica per tue ricerche testuali: utilizziamo cookie proprietari e di terze parti per comprendere come sei arrivato a noi, che tipo di ricerche hai effettuato, che percorsi hai seguito, quante e quali pagine hai visitato sul nostro sito, in che punto l’hai abbandonato, il tutto con la finalità di favorire la tua e, in generale, l’esperienza degli utenti che visitano il nostro sito. I cookie ci aiutano a proporti servizi e/o prodotti più adeguati impiegando quindi anche strumenti di terze parti (cookie di terze parti): alcuni cookie potrebbero essere utilizzati per proporti offerte promozionali mirate durante la tua navigazione sul web.

Quali cookie utilizziamo?

inSound Studio utilizza i seguenti tipi di cookie:

  • cookies di sessione (che scadono al termine della navigazione)
  • cookies permanenti (che sono necessari a memorizzare i dati inseriti nei moduli di accesso, richiesta informazioni ecc.)
  • cookies di terze parti (utilizzati per fini statistici e commerciali, sono gestiti principalmente da Google Inc. e depositati presso i loro server)

Disabilitare i cookie

L'abilitazione dei cookie non è strettamente necessaria perché il sito web funzioni, ma farlo ti fornirà una migliore esperienza di navigazione. È possibile eliminare o bloccare i cookie, ma così facendo alcune funzionalità di questo sito potrebbero non funzionare come previsto.

Le informazioni relative ai cookie non vengono utilizzate per identificare gli utenti: i dati di navigazione acquisiti mediante cookie proprietari e la maggior parte dei cookie di terze parti restano esclusivamente sotto il nostro controllo.

I cookie di terze parti impiegati con finalità promozionali mirate durante la tua navigazione sul web sono invece messi a disposizione delle società erogatrici di tali servizi, come per esempio Google Adsense di Google Inc. che, mediante cookie e strumenti affini è in grado di proporre annunci pertinenti ai tuoi interessi reali. L’uso di questo tipo di cookie può essere disattivato in qualsiasi momento da parte dell’utente modificando le impostazioni attraverso il sito web del fornitore del servizio stesso (per esempio, per disattivare l’utilizzo di tutti o parte dei cookie da parte di Google è possibile seguire le informazioni contenute al link: https://support.google.com/adsense/answer/1348695?hl=it).

Accettazione

Navigando su inSound Studio accetti l’utilizzo dei cookie in conformità con il presente documento di Cookie Policy. Per eliminare/gestire i dati di navigazione potrai farlo attraverso le impostazioni della privacy del tuo browser, mediante il quale (generalmente) ti è permesso inoltre di impedire ai siti web il salvataggio di cookie.

RICORDA: così facendo potrebbe essere necessario regolare manualmente alcune preferenze ogni volta che visiti un sito, alcuni servizi e funzionalità potrebbero non funzionare e non potrai memorizzare password e dati inseriti nei moduli.